Comune di Cascia

TARI – Tariffa Rifiuti e Servizi

Tassa sui rifiuti commi da 639 a 668 dell’art. 1 Legge 27.12.2013, n. 147

 A decorrere dal 1° gennaio 2014 è istituita in tutti i comuni del territorio nazionale l’Imposta Unica Comunale (IUC).

La IUC (Imposta Unica Comunale) è composta da :

– IMU (imposta municipale propria)

componente patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali

– TASI (tributo per i servizi indivisibili)

componente servizi, a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, per i servizi indivisibili comunali

TARI (tassa sui rifiuti)

componente servizi destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.

 COS’E’ LA TARI

Si tratta della nuova tassa volta a coprire integralmente i costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti avviati allo smaltimento. Pertanto, dal 01.01.2014, cessa di avere applicazione nel Comune di Cascia (PG) la TARES, ferme restando le obbligazioni sorte prima di predetta data, ed è applicata la TARI.

 CHI DEVE PAGARLA

Tutti i soggetti (persone fisiche e giuridiche) che possiedono/occupano/detengono locali o aree scoperte operative, suscettibili di produrre rifiuti urbani o assimilati.

 PER QUALI LOCALI SI DEVE PAGARE

La base imponibile del tributo, cui applicare la tariffa, è costituita dalla superficie calpestabile dei locali e delle aree suscettibili di produrre rifiuti urbani o assimilati.

COM’E’ CALCOLATA

Il tributo è calcolato in base a tariffe commisurate alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi ed alla eventuale tipologia di attività svolta sulla base dei criteri previsti dal DPR 158/1999.

Le Tariffe TARI sono determinate a copertura integrale dei costi previsti dal piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani e sono articolate in fasce di utenza domestica e non domestica così composte:

  • per le utenze domestiche : una parte fissa ed una parte variabile riferita ai metri quadrati dell’immobile ed al numero dei componenti, riferiti al numero dei componenti del nucleo familiare come risultanti dagli archivi tributari ed anagrafici del Comune. Per le utenze domestiche condotte da soggetti non residenti nel Comune, per gli alloggi dei cittadini residenti all’estero (iscritti AIRE), e per gli alloggi a disposizione di enti diversi dalle persone fisiche occupati da soggetti non residenti, si assume come numero degli occupanti quello dichiarato o certificato dall’utente o, in mancanza, quello di tre unità. 

UTENZA DOMESTICA =  (Quota fissa unitaria x Mq) + Quota variabile unitaria + tributo provinciale pari al 5% del totale

  • per le utenze non domestiche : una parte fissa ed una parte variabile, che tiene conto della superficie dell’immobile e della potenziale produzione di rifiuti connessa alla tipologia di attività esercitata

 UTENZA NON DOMESTICA =  (Quota fissa unitaria + Quota variabile unitaria) x Mq + tributo provinciale pari al 5% del totale

La quota fissa è finalizzata alla copertura integrale delle componenti essenziali del costo del servizio rifiuti, la quota variabile è rapportata alla quantità dei rifiuti prodotti e conferiti al servizio fornito e all’entità dei costi di gestione.

Ad ogni anno solare corrisponde un’autonoma obbligazione tributaria. In sede di prima applicazione del tributo si considerano le superfici già dichiarate o accertate ai fini della precedente tassazione.

Sito istituzionale del Comune di Cascia - Sede: Piazza Aldo Moro, 3 - Cascia (PG) Italy
C.F. 84002410540 - P.I. 00472360544 - Tel. +39 0743/75131 - Fax +39 0743/751344
Privacy - Termini di utilizzo - Credits